Consilium audire sapientis est

Quota 100, Opzione donna, riscatto laurea: l'analisi delle misure nella Circolare dei Consulenti del Lavoro

Martedì 16/04/2019, a cura di AteneoWeb S.r.l.


La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, con la Circolare n. 5/2019, approfondisce ed analizza gli effetti della nuova riforma contenuta nella Legge n. 26/2019, di conversione del D.L. n. 4 del 2019, in materia di pensioni e welfare.

In particolare, la Circolare approfondisce temi come
  • la pensione anticipata in Quota 100 (incumulabilità reddituale, finestra di differimento, cumulo dei contributi per il raggiungimento dei requisiti per l'accesso);
  • la pensione anticipata ordinaria e per lavoratori precoci;
  • la nuova "Opzione Donna" e la proroga dell'Ape sociale;
  • riscatto agevolato della laurea;
  • nuova "pace contributiva".


Relativamente a Quota 100, si legge nel documento, dal momento della maturazione dei requisiti, a differenza della pensione di vecchiaia, la decorrenza dell'assegno è posticipata come di seguito:
  • per i lavoratori dipendenti del settore privato, parasubordinati e autonomi, che maturino la pensione in Quota 100 dal 1° gennaio 2019, la decorrenza avviene dopo 3 mesi dalla maturazione dei requisiti;
  • per i lavoratori afferenti al pubblico impiego (con attenzione non alla gestione di riferimento, cd. Ex Inpdap, ma allo statuto di Pubblica Amministrazione del datore di lavoro), che maturino i requisiti dal 30 gennaio 2019, la decorrenza avviene dopo 6 mesi da tale momento.


Sono previste poi poi due finestre di sbarramento, secondo cui:
  • i lavoratori del settore privato, che avevano maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2018, potranno accedere alla pensione in Quota 100 non prima del 1° apriledel 2019 (previa cessazione del rapporto subordinato e presentazione della domanda telematica di pensione);
  • i lavoratori del settore pubblico, che avevano maturato i requisiti entro il 29 gennaio 2019, potranno accedere alla pensione in Quota 100 non prima del 1° agosto del 2019 (previa cessazione del rapporto subordinato e presentazione della domanda di collocamento a riposo all'amministrazione di competenza con preavviso di sei mesi, nonché presentazione della domanda telematica di pensione). Nel caso del comparto scolastico e di AFAM si applicano le scadenze di cui all'art. 59 del D.Lgs. n. 449/1997, che prevedono la domanda di collocamento a riposo entro dicembre e la decorrenza del trattamento dal successivo anno scolastico.

Fonte: http://www.consulentidellavoro.it
Le ultime news
Ieri
L'equity crowdfunding è un'innovativa forma di finanziamento per le piccole e medie imprese, generalmente...
 
Ieri
Con la Risoluzione n. 43/E del 12 aprile scorso l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo...
 
Ieri
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in data 16 aprile 2019, ha fornito risposta all'interpello...
 
Ieri
Il saggio di interesse per il pagamento differito dei diritti doganali effettuato oltre il periodo di...
 
Giovedì 18/04
Con la Circolare n. 8/E del 10 aprile l'Agenzia delle Entrate risponde a dubbi e quesiti degli operatori...
 
Giovedì 18/04
Gli operatori economici che effettuano operazioni di commercio al dettaglio e attività assimilate avranno...
 
altre notizie »
 

Studio Dott. Sergio Pintaldi

C.so V. Emanuele, 56 - 96012 Avola (SR)

Tel: 09311661841 - Fax: 0931209823

Email: infostudiopintaldi@libero.it

P.IVA: 01223350891