Consilium audire sapientis est

Antiriciclaggio: la Regola Tecnica n. 2 del CNDCEC - Adeguata verifica della clientela

Mercoledì 13/03/2019

a cura di Studio Valter Franco


Premessa

Il CNDCEC, quale Organismo di autoregolamentazione, ha approvato le regole tecniche (RT) nella seduta del 16 gennaio 2019, regole sottoposte a parere del Comitato di Sicurezza Finanziaria del 6 dicembre 2018(1).

"Al fine di consentire agli iscritti l'apprendimento e la corretta applicazione delle presenti regole tecniche il CNDCEC promuoverà specifiche attività di formazione in modalità e-learning nei prossimi sei mesi. Decorso tale periodo le regole tecniche saranno vincolanti per gli iscritti".

Quindi sino a tutto il primo semestre del 2019 l'applicazione delle regole tecniche non è vincolante per gli iscritti, i quali possono continuare ad operare con i metodi sinora applicati relativamente all'adeguata verifica della clientela ed alla valutazione del rischio.
In attesa della disponibilità delle attività di formazione si intende comunque procedere ad un'analisi della Regola Tecnica n. 2.

Pur essendo le RT vincolanti per gli iscritti dal 2° semestre 2019, già nell'immediato si suggerisce, nella valutazione del rischio connesso alla prestazione professionale, di avere riguardo alla tabella che segue, riportante prestazioni professionali a rischio "poco-abbastanza- molto significativo", precisando che, come indicato nel testo della RT "la rilevazione di un rischio non significativo si pone a valle di un processo di valutazione che, seppur non formalizzato, DOVRA' COMUNQUE ESSERE SVOLTO DAL PROFESSIONISTA, in quanto la normativa vigente esclude la possibilità di individuare in via automatica e preventiva fattispecie rispetto alle quali possa operare una presunzione di assenza di rischio di riciclaggio (art. 17, c. 3 D.lgs. 231/2007".
PRESTAZIONI PROFESSIONALI RISCHIO INERENTE
1 Amministrazione e liquidazione di aziende, patrimoni, singoli beni poco significativo
2 Amministrazione di società, enti, trust o strutture analoghe abbastanza significativo
3 Assistenza, consulenza e rappresentanza in materia tributaria poco significativo
4 Assistenza per richiesta finanziamenti abbastanza significativo
5 Assistenza e consulenza societaria continuativa e generica abbastanza significativo
6 Attività di valutazione tecnica dell'iniziativa di impresa e di asseverazione dei business plan per l'accesso a finanziamenti pubblici abbastanza significativo
7 Consulenza aziendale abbastanza significativo
8 Consulenza contrattuale poco significativo
9 Consulenza economico-finanziaria abbastanza significativo
10 Costituzione/liquidazione di società, enti, trust o strutture analoghe abbastanza significativo
11 Custodia e conservazione di beni e aziende poco significativo
12 Consulenza in operazioni di finanza straordinaria molto significativo
13 Tenuta della contabilità abbastanza significativo
14 Consulenza in materia di redazione del bilancio abbastanza significativo
15 Revisione legale dei conti abbastanza significativo
16 Valutazione di aziende, rami d'azienda, patrimoni, singoli beni e diritti poco significativo


Valutazione del rischio inerente

Nella RT n. 2 si ha modo di leggere che per "rischio inerente si intende il rischio proprio delle attività svolte dal professionista, considerate per categorie omogenee, in termini oggettivi ed astratti".

La RT al paragrafo 2.1 riporta tabelle relative a prestazioni
  • a rischio non significativo
  • a rischio poco - abbastanza - molto significativo


Scala graduata per la valutazione del rischio inerente da applicare a ciascuno dei fattori
Prestazione professionale - livello rischio Valori dell'indicatore di intensità
non significativo 1
poco significativo 2
abbastanza significativo 3
molto significativo 4


Valutazione del rischio specifico

Il rischio specifico deve essere valutato con riferimento al cliente ed alla prestazione professionale concretamente resa.

Rischio specifico "A" - aspetti connessi al cliente -

Utilizzando i punteggi da 1 a 4 relativamente agli aspetti connessi al cliente dovranno essere valutati, per ciascuno dei seguenti fattori
  1. natura giuridica
  2. prevalente attività svolta
  3. comportamento tenuto al momento del conferimento dell'incarico
  4. area geografica di residenza del cliente


Rischio specifico "B" - aspetti connessi alla prestazione professionale -

Utilizzando i punteggi da 1 a 4 relativamente alla prestazione professionale dovranno essere valutati, per ciascuno dei seguenti fattori:
  1. tipologia
  2. modalità di svolgimento
  3. ammontare dell'operazione
  4. frequenza e volume di operazioni/durata della prestazione professionale
  5. ragionevolezza dell'operazione
  6. area geografica di destinazione


Rischio specifico complessivo

Si sommano i punteggi del rischio specifico A a quelli del rischio specifico B e la somma ottenuta viene divisa per 10 (quanti sono gli elementi del rischio A e del rischio B).
Per talune prestazioni professionali (ad esempio la revisione legale dei conti e tenuta contabilità) non si determina il rischio specifico B e quindi il rischio specifico complessivo si ottiene sommando i soli punteggi del rischio A e dividendo il risultato per quattro.

Valutazione del rischio effettivo

In base al rischio inerente ed a quello specifico si determina il rischio effettivo, assumendo al 30% i valori del rischio inerente ed al 70% i valori del rischio specifico muovendo dal presupposto che quest'ultimo abbia più rilevanza nel determinare il livello di rischio effettivo.

Viene quindi riportata una tabella(2) da applicare ai valori ponderati per la determinazione del rischio effettivo e, stabilito il livello "tabellare" di tale rischio le misure di adeguata verifica da attuare:
  • per il grado di rischio non significativo le misure di adeguata verifica sono quelle riportate nella tabella 1 (in calce alle prestazioni a rischio non significativo è riportata la regola di condotta)
  • per il grado di rischio poco significativo le misure di adeguata verifica sono quelle semplificate - si rammenta che l'adeguata verifica semplificata è applicabile ogni qualvolta si è in presenza di un rischio basso di riciclaggio e finanziamento del terrorismo;
  • per il grado di rischio abbastanza significativo le misure di adeguata verifica sono quelle ordinarie
  • per il grado di rischio molto significativo le misure di adeguata verifica sono quelle rafforzate

NOTE:
1. art. 11 c.2 del D.lgs. 231/2007 Gli organismi di autoregolamentazione sono responsabili dell'elaborazione e aggiornamento di regole tecniche, adottate in attuazione del presente decreto previo parere del Comitato di sicurezza finanziaria, in materia di procedure e metodologie di analisi e valutazione del rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo cui i professionisti sono esposti nell'esercizio della propria attività, di controlli interni, di adeguata verifica, anche semplificata della clientela e di conservazione e, anche attraverso le proprie articolazioni territoriali, garantiscono l'adozione di misure idonee a sanzionarne l'inosservanza e sono sentiti dalla UIF ai fini dell'adozione e dell'aggiornamento degli indicatori di anomalia di cui all'articolo 6, comma 4, lettera e) che li riguardino. I predetti organismi e le loro articolazioni territoriali sono altresì responsabili della formazione e dell'aggiornamento dei propri iscritti in materia di politiche e strumenti di prevenzione del riciclaggio e di finanziamento del terrorismo.
2. vedi pagina 13 del doc. CNDCEC.

Le ultime news
Oggi 00:11
Nel 2018 sono entrati nelle casse dello Stato oltre 16 miliardi di euro derivanti dalle ordinarie attività...
 
Oggi 00:11
Nonostante l'originaria fattura sia stata emessa nei confronti della posizione IVA del cessionario non...
 
Oggi 00:11
Previndai comunica che sono disponibili per la compilazione via internet e la stampa la dichiarazione...
 
Oggi 00:11
Con notizia pubblicata sul proprio portate l'Inps comunica che è attivo il servizio dedicato alla Certificazione...
 
Ieri
Assosoftware, in una delle recenti Faq in tema di fatturazione elettronica, ha chiarito che una fattura...
 
Ieri
Con la Risoluzione n. 36/E del 15 marzo 2019 l'Agenzia delle Entrate ha risposto all'interpello di un...
 
Ieri
L'articolo 9, commi da 1 a 8, del decreto-legge n. 119 del 2018 ha introdotto la definizione agevolata...
 
Ieri
Con circolare n. 31 del 15 febbraio 2019, l'INPS ha reso note le aliquote contributive per l'anno 2019,...
 
Ieri
Il 15 marzo scorso il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha pubblicato...
 
Ieri
L'Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro ha segnalato che il numero unico del lavoro (800.00.00...
 
Martedì 19/03
È fondamentale riscontrare l'inerenza di un costo all'una o all'altra attività, potendone derivare...
 
Martedì 19/03
Il Ministero dello sviluppo economico ha pubblicato, sul proprio sito Internet istituzionale, la direttiva...
 
Martedì 19/03
L'articolo 379 del Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza, oltre modificare l'articolo 2477 del...
 
Martedì 19/03
Con la Circolare n. 42 del 13 marzo 2019 l'Inps ha comunicato gli importi dei contributi dovuti per l'anno...
 
Martedì 19/03
L'Istat ha rilasciato i dati del mercato del lavoro relativi al IV trimestre del 2018, che mostra un...
 
Martedì 19/03
Sul nuovo portale incentivi.gov.it è possibile trovare tutte le informazioni utili per usufruire del...
 
Lunedì 18/03
1) Premessa. Il collegio sindacale, ovvero l'organo di controllo delle società, è stato oggetto di...
 
Lunedì 18/03
L'11 febbraio 2019 si è celebrata in tutta Europa la giornata "NUE 112", il Numero unico di emergenza...
 
Lunedì 18/03
1) Con la gestione informatica affidata a Infocamere, la società telematica delle Camere di commercio...
 
Lunedì 18/03
I soggetti non tenuti all'invio dei dati al Sistema tessera sanitaria (come ad esempio podologi, fisioterapisti,...
 
Lunedì 18/03
Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha pubblicato la quarta edizione...
 
Lunedì 18/03
E' attiva la nuova area riservata tramite la quale cittadini e operatori potranno da oggi accedere ai...
 
Lunedì 18/03
Dal 1° aprile, all'interno del "Fascicolo previdenziale del cittadino", sarà disponibile il prospetto...
 
Venerdì 15/03
Vi segnaliamo l'evento "Beni culturali e diritto d'autore - Normativa e case studies per approfondire...
 
Venerdì 15/03
Con Provvedimento del 12 marzo 2019 l'Agenzia delle Entrate ha approvato il modello CSO ("Comunicazione...
 
Venerdì 15/03
E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 59 del 11 marzo 2019, il Decreto legislativo 19 febbraio...
 
Venerdì 15/03
Non è possibile accedere ai dati personali completi contenuti nei titoli abilitativi edilizi (SCIA e...
 
Venerdì 15/03
E' online il portale Incentivi.gov.it, a cura del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero...
 
Giovedì 14/03
Entro il prossimo 18 marzo 2019 (considerato che il giorno 16 cade di sabato) deve essere pagata la tassa...
 
altre notizie »
 

Studio Dott. Sergio Pintaldi

C.so V. Emanuele, 56 - 96012 Avola (SR)

Tel: 09311661841 - Fax: 0931209823

Email: infostudiopintaldi@libero.it

P.IVA: 01223350891