Consilium audire sapientis est

Antiriciclaggio: la Regola Tecnica n. 1 del CNDCEC - Autovalutazione del rischio

Martedì 12/03/2019

a cura di Studio Valter Franco


Premessa

Il CNDCEC, quale Organismo di autoregolamentazione, ha approvato le regole tecniche (RT) nella seduta del 16 gennaio 2019, regole sottoposte a parere del Comitato di Sicurezza Finanziaria del 6 dicembre 2018(1).

"Al fine di consentire agli iscritti l'apprendimento e la corretta applicazione delle presenti regole tecniche il CNDCEC promuoverà specifiche attività di formazione in modalità e-learning nei prossimi sei mesi. Decorso tale periodo le regole tecniche saranno vincolanti per gli iscritti".

Quindi sino a tutto il primo semestre del 2019 l'applicazione delle regole tecniche non è vincolante per gli iscritti, i quali possono continuare ad operare con i metodi sinora applicati relativamente all'adeguata verifica della clientela ed alla valutazione del rischio.

In attesa della disponibilità delle attività di formazione si intende comunque procedere ad un'analisi della Regola Tecnica n. 1.

Autovalutazione del rischio

L'articolo 15 del Dlgs. 231/2007 prevede espressamente che i soggetti obbligati adottino procedure oggettive e coerenti per l'analisi e la valutazione dei rischi di riciclaggio e finanziamento del terrorismo (di seguito fdt), tenendo conto di fattori di rischio associati alla tipologia della clientela, all'area di operatività, ai canali distributivi ed ai prodotti offerti; la valutazione è documentata e periodicamente aggiornata e messa a disposizione delle autorità di vigilanza e degli organismi di autoregolamentazione.

La valutazione è un adempimento proprio dei professionisti obbligati e non è delegabile. L'eventuale responsabile antiriciclaggio assiste il professionista nella gestione e nella mitigazione del rischio residuo.

Sinteticamente si perviene all'autovalutazione del rischio residuo come segue:
  • determinando il rischio inerente sulla base di singoli fattori
  • determinando il rischio di vulnerabilità sulla base di singoli fattori
  • applicando ai due valori di cui sopra una matrice di ponderazione
  • confrontando i valori della matrice di cui sopra ad una scala graduata di "livello di rischio residuo".


Valutazione del rischio inerente

Nella RT n. 2 si ha modo di leggere che per "rischio inerente si intende il rischio proprio delle attività svolte dal professionista, considerate per categorie omogenee, in termini oggettivi ed astratti".

Le RT individuano il "rischio inerente" nei seguenti fattori:
  • tipologia della clientela
  • area geografica di operatività
  • canali distributivi (riferito alle modalità di esplicazione della prestazione professionale, anche tramite collaborazioni esterne, corrispondenze, canali di pagamento ecc.)
  • servizi offerti


A parere del sottoscritto il professionista dovrà quindi individuare tali fattori in base alla generalità della tipologia complessiva della clientela (normalmente si attribuisce un maggior rischio ad attività esercitate in forma societaria rispetto a quelle esercitate sotto forma di ditta individuale), all'area geografica di operatività dello studio, alle modalità ed ai canali di esecuzione della prestazione professionale, ai servizi offerti nell'ambito della prestazione professionale.

Scala graduata per la valutazione del rischio inerente da applicare a ciascuno dei fattori
Rilevanza Valori dell'indicatore di intensità
Non significativa 1
Poco significativa 2
Abbastanza significativa 3
Molto significativa 4


La media aritmetica dei punteggi dei singoli fattori determina il valore del rischio inerente.

Valutazione del rischio di vulnerabilità dello studio

Le RT indicano espressamente che "l'analisi dell'assetto organizzativo e dei presidi consente di individuare eventuali vulnerabilità ovvero le carenze che permettono che il rischio inerente si concretizzi in fenomeni di riciclaggio/fdt non rilevati".

A monte quindi della determinazione del rischio di vulnerabilità dello studio dovrà esservi quindi un'analisi, come sopra indicato.

Le RT individuano il "rischio di vulnerabilità" dello studio nei seguenti fattori:
  • formazione
  • organizzazione degli adempimenti in materia di adeguata verifica clientela
  • organizzazione degli adempimenti relativi alla conservazione dei documenti, dati e informazioni
  • organizzazione in materia di segnalazione di operazioni sospette e comunicazione delle violazioni alle norme sull'uso del contante.


Scala graduata per la valutazione del rischio di vulnerabilità dello studio
Rilevanza Valore numerico
Non significativa per presidi completi e strutturati 1
Poco significativa per presidi ordinari 2
Abbastanza significativa per presidi lacunosi 3
Molto significativa per presidi assenti 4


La media aritmetica dei punteggi dei singoli fattori determina il valore del rischio di vulnerabilità.

Valutazione del rischio residuo

In base alle medie aritmetiche del rischio inerente e di quello di vulnerabilità si determina il rischio residuo, assumendo al 40% i valori del rischio inerente ed al 60% i valori del rischio vulnerabilità muovendo dal presupposto che la componente di vulnerabilità abbia più rilevanza nella determinazione del rischio residuo.

Viene quindi riportata una tabella(2) da applicare ai valori ponderati per la determinazione del rischio residuo e, stabilito il livello "tabellare" di rischio residuo, il professionista procede ad attivare le azioni necessarie per la gestione/mitigazione del medesimo.

Precisa la RT che rilevano le dimensioni della struttura, il numero dei componenti dello studio (professionisti, collaboratori e dipendenti) ed il numero delle sedi in cui viene svolta l'attività e che:
  • per due o più professionisti (una sede o più) occorre introdurre la funzione antiriciclaggio e nominare il relativo responsabile
  • per più di 30 professionisti e più di 30 collaboratori nello stesso studio (una sede o più) introdurre la funzione antiriciclaggio, nominare il responsabile antiriciclaggio e introdurre una funzione di revisore indipendente per la verifica dei presidi di contollo; nell'ambito dei presidi rileva altresì la formazione del personale con carattere di programmazione e permanenza.


Come indicato nel paragrafo "Autovalutazione del rischio" si rende preliminarmente necessario, ad avviso del sottoscritto, la redazione di un documento interno di studio nel quale descrivere l'organizzazione dello studio e le procedure adottate, le attività di formazione etc., al quale seguirà la valutazione "tabellare" dei rischi di cui sopra, un po' come il documento sulla valutazione dei rischii in materia di tutela dei dati personali.

Note:
1. art. 11 c.2 del D.lgs. 231/2007 Gli organismi di autoregolamentazione sono responsabili dell'elaborazione e aggiornamento di regole tecniche, adottate in attuazione del presente decreto previo parere del Comitato di sicurezza finanziaria, in materia di procedure e metodologie di analisi e valutazione del rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo cui i professionisti sono esposti nell'esercizio della propria attività, di controlli interni, di adeguata verifica, anche semplificata della clientela e di conservazione e, anche attraverso le proprie articolazioni territoriali, garantiscono l'adozione di misure idonee a sanzionarne l'inosservanza e sono sentiti dalla UIF ai fini dell'adozione e dell'aggiornamento degli indicatori di anomalia di cui all'articolo 6, comma 4, lettera e) che li riguardino. I predetti organismi e le loro articolazioni territoriali sono altresì responsabili della formazione e dell'aggiornamento dei propri iscritti in materia di politiche e strumenti di prevenzione del riciclaggio e di finanziamento del terrorismo.
2. vedi pagina 5 del doc. CNDCEC.
Le ultime news
Oggi 00:10
Nel 2018 sono entrati nelle casse dello Stato oltre 16 miliardi di euro derivanti dalle ordinarie attività...
 
Oggi 00:10
Nonostante l'originaria fattura sia stata emessa nei confronti della posizione IVA del cessionario non...
 
Oggi 00:10
Previndai comunica che sono disponibili per la compilazione via internet e la stampa la dichiarazione...
 
Oggi 00:10
Con notizia pubblicata sul proprio portate l'Inps comunica che è attivo il servizio dedicato alla Certificazione...
 
Ieri
Assosoftware, in una delle recenti Faq in tema di fatturazione elettronica, ha chiarito che una fattura...
 
Ieri
Con la Risoluzione n. 36/E del 15 marzo 2019 l'Agenzia delle Entrate ha risposto all'interpello di un...
 
Ieri
L'articolo 9, commi da 1 a 8, del decreto-legge n. 119 del 2018 ha introdotto la definizione agevolata...
 
Ieri
Con circolare n. 31 del 15 febbraio 2019, l'INPS ha reso note le aliquote contributive per l'anno 2019,...
 
Ieri
Il 15 marzo scorso il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha pubblicato...
 
Ieri
L'Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro ha segnalato che il numero unico del lavoro (800.00.00...
 
Martedì 19/03
È fondamentale riscontrare l'inerenza di un costo all'una o all'altra attività, potendone derivare...
 
Martedì 19/03
Il Ministero dello sviluppo economico ha pubblicato, sul proprio sito Internet istituzionale, la direttiva...
 
Martedì 19/03
L'articolo 379 del Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza, oltre modificare l'articolo 2477 del...
 
Martedì 19/03
Con la Circolare n. 42 del 13 marzo 2019 l'Inps ha comunicato gli importi dei contributi dovuti per l'anno...
 
Martedì 19/03
L'Istat ha rilasciato i dati del mercato del lavoro relativi al IV trimestre del 2018, che mostra un...
 
Martedì 19/03
Sul nuovo portale incentivi.gov.it è possibile trovare tutte le informazioni utili per usufruire del...
 
Lunedì 18/03
1) Premessa. Il collegio sindacale, ovvero l'organo di controllo delle società, è stato oggetto di...
 
Lunedì 18/03
L'11 febbraio 2019 si è celebrata in tutta Europa la giornata "NUE 112", il Numero unico di emergenza...
 
Lunedì 18/03
1) Con la gestione informatica affidata a Infocamere, la società telematica delle Camere di commercio...
 
Lunedì 18/03
I soggetti non tenuti all'invio dei dati al Sistema tessera sanitaria (come ad esempio podologi, fisioterapisti,...
 
Lunedì 18/03
Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha pubblicato la quarta edizione...
 
Lunedì 18/03
E' attiva la nuova area riservata tramite la quale cittadini e operatori potranno da oggi accedere ai...
 
Lunedì 18/03
Dal 1° aprile, all'interno del "Fascicolo previdenziale del cittadino", sarà disponibile il prospetto...
 
Venerdì 15/03
Vi segnaliamo l'evento "Beni culturali e diritto d'autore - Normativa e case studies per approfondire...
 
Venerdì 15/03
Con Provvedimento del 12 marzo 2019 l'Agenzia delle Entrate ha approvato il modello CSO ("Comunicazione...
 
Venerdì 15/03
E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 59 del 11 marzo 2019, il Decreto legislativo 19 febbraio...
 
Venerdì 15/03
Non è possibile accedere ai dati personali completi contenuti nei titoli abilitativi edilizi (SCIA e...
 
altre notizie »
 

Studio Dott. Sergio Pintaldi

C.so V. Emanuele, 56 - 96012 Avola (SR)

Tel: 09311661841 - Fax: 0931209823

Email: infostudiopintaldi@libero.it

P.IVA: 01223350891